Gastronomia

vastedda della valle Belìce

La Vastedda della Valle del Belìce è facilmente riconoscibile grazie alla sua forma caratteristica a focaccia di colore avorio. Il suo sapore delicato può essere esaltato se lo si accompagna con altre essenze mediterranee.
In cucina si abbina bene con tutti i piatti della cultura gastronomica mediterranea.
Per coloro dal palato più delicato risulta ottima anche se mangiata sola o accompagnata con insalata di stagione, soprattutto se degustata insieme ad un buon bicchiere di vino rosso.

vastedda della valle Belìce
La Vastedda della Valle del Belìce è un eccellente fonte di principi nutritivi, soprattutto proteine, vitamine liposolubili e sali minerali.
La sua particolare tecnica di lavorazione causa il dilavamento del grasso durante il processo di filatura della pasta e il conseguente aumento, a parità di peso, delle proteine presenti. Questo determina anche una spiccata leggerezza del formaggio e una maggiore digeribilità.



Sciatt alla Vastedda del Belìce dop

Proposta da ilgiornaledelcibo.it

vastedda della valle Belìce Ingredienti: Vastedda, farina, grappa, acqua gassata, lievito di birra, radicchio rosso, misticanza romana, olio, aceto, sale

  Preperare una pastella con la farina, lievito, grappa e tanta acqua minerale gassata, in modo da ottenere un composto cremoso ma denso.
Far scaldare l'olio in una pentola capiente, nel mentre tagliare la Vastedda a dadini di 2 cm. Quando l'olio è caldo, usare un cucchiaio per immergere un dadino di Vastedda alla volta nella pastella. Tuffare il tutto nell’olio bollente, cercando di sbavare un po’ di impasto per fare la coda del girino.
Attendere che ciascuna frittella sia gonfia e che assuma un bel colore dorato, poi farle scolare in uno scolapasta.
Ricoprire un piatto di portata con radicchio rosso tritato e condito con la misticanza, olio, sale e aceto. Infine, adagiare sopra le frittelle scolate.

Pane condito (pani cunzatu)

vastedda della valle Belìce Ingredienti: Vastedda, pane, pomodoro, olio, origano, basilico.

  Tagliare a metà il pane, condirlo con olio extra vergine di oliva, sale, origano e qualche filetto di acciuga salata.
Infine, adagiare alcune fette di Vastedda del Belìce e il pomodoro tagliato a dadini.

Vastedda alla Caterina

vastedda della valle Belìce Ingredienti: Vastedda, basilico, pomodoro, capperi, olio extravergine d’oliva, aceto di vino e sale.

  Tagliare a fette sia la Vastedda che i pomodori. Spezzettare il basilico e dissalare i capperi sotto acqua corrente.
Disporre su un piatto tutti gli ingredienti e condire con olio d’oliva, aceto e un pizzico di sale.

Pescespada alla Vastedda del Belìce

Proposta di Ristorante Leon d'Oro

vastedda della valle Belìce Ingredienti: Vastedda, trancio di pesce spada, pangrattato, pomodorini, origano, olio, sale

  In una padella far rosolare il trancio di pesce spada insieme ai pomodorini tagliati, olio extra vergine d’oliva e sale.
Togliere dal fuoco il pesce spada, ricoprire con uno strato sottile di pangrattato abbrustolito e alcune fette di Vastedda del Belìce, rimettere in padella e lasciare fondere per pochi minuti.
Infine, aggiungere pochissimo origano e servire su un piatto piano e ampio.

Pizza alla Vastedda del Belice

vastedda della valle Belìce Ingredienti: Vastedda, Pomodoro, Patate fresche, Cipolla cotta, Salsiccia, Origano.

  Dopo aver preparato un buon impasto per la pizza, stendere la pasta.
Condire la pizza usando gli ingredienti elencati, tra cui la Vastedda del belìce tagliata a pezzi.
Infine, infornare assicurandosi di far sciogliere per bene la Vastedda.

vastedda della valle Belìce